Video On Line: la rivoluzione digitale made in Sardegna

video on line

Dal centro del Mediterraneo al centro del mondo. La Sardegna è stata la terra dove nacque il giornalismo on-line in Italia grazie all’editore Nicola Grauso e al quotidiano cagliaritano “L’Unione Sarda”, che fu il primo a dotarsi di un sito web.

L’esperimento Video On Line è nato  sull’isola sarda, più precisamente nella sede del quotidiano regionale “L’Unione Sarda” (fondato a Cagliari nel 1890), dimostrando che nel mondo di Internet non è importante la dislocazione fisica. Fu un esperimento di grande importanza ed impatto, in quanto L’Unione Sarda fu la culla dello sviluppo di internet in Italia ed il primo quotidiano in Europa ad entrare sul web, dando vita ad una rivoluzione digitale fra le più radicali, che tuttora condiziona la vita di miliardi di persone. Il giornale sardo e Video On Line, uno fra i primi Internet Service Provider nati in Italia, fecero da apristrada, diventando il caposaldo nella sperimentazione del giornalismo online degli anni ’90.

Continua a leggere

Sviluppo Sostenibile e Sovranità Permanente sulle Risorse Naturali: una questione internazionale

green-job

Ultimamente si sente sempre più parlare di sviluppo sostenibile, con ciò intendendosi uno sviluppo che tenga conto non soltanto dei bisogni delle generazioni presenti, ma anche di quelle future, lasciando a queste ultime un mondo uguale a, se non migliore di, quello in cui viviamo. Come è noto, tuttavia, porre dei limiti alla crescita di uno Stato non è impresa facile. Sul piano internazionale, infatti, nessuno Stato può imporre ad un altro Stato in che modo quest’ultimo debba sfruttare le risorse naturali site sul suo territorio, quali attività porre in essere per tutelare l’ambiente e su quali fonti energetiche (rinnovabili o tradizionali) fare affidamento. Allo stesso tempo, però, ammettere un illimitato potere sovrano statale equivarrebbe a consentire lo sfruttamento di un pianeta con risorse naturali già di per sé limitate. Ed è proprio in tale contesto che interviene lo sviluppo sostenibile.

Continua a leggere

Lavorare per Google. Intervista ad un ingegnere Android, il sistema più usato negli smartphones

Google

Google è oggi una delle aziende più importanti al mondo, con oltre 48mila dipendenti sparsi in oltre 70 uffici di 40 Paesi diversi. Nacque nel 1998 dall’idea di due ragazzi allora 26enni, Larry Page e Sergey Brin, conosciutosi all’Università di Stanford. Da allora la storia di Google è stata una storia costellata di successi. C’è una buona frase del giornalista John Batelle che sintetizza la parabola crescente che l’azienda americana ha compiuto in questi ultimi 15 anni: “L’unica cosa che Google non è riuscita a fare, finora, è fallire”.

Continua a leggere

Banche di sviluppo: investimenti, razzie ed il fenomeno “land grabbing”

world_bank

Le cosiddette banche multilaterali di sviluppo da molti decenni giocano un ruolo centrale nell’economia degli stati in via di sviluppo e, per questo tramite, nell’economia mondiale. Tali banche sono delle istituzioni finanziarie internazionali con il compito di promuovere lo sviluppo (sostenibile, in teoria) di tipo economico, sociale ed istituzionale dei paesi meno ricchi del globo. Pensate per riequilibrare lo strapotere occidentale in materia economica, le banche di sviluppo si distinguono in “universali” (la Banca Mondiale, ad esempio) e “regionali” (come la Banca Inter-Americana di Sviluppo e la Banca Asiatica di Sviluppo), a seconda che esercitino le loro funzioni in tutto il mondo o all’interno dei confini di una determinata area geografica.

Continua a leggere

Rolling Stones ON FIRE tour Roma, da 50 anni sui palchi ad insegnare rock’n’roll

Rolling Stones ON FIRE Roma

Nella città eterna domenica 22 giugno 2014 la storia del rock si è concessa davanti ad oltre 70mila persone, per il concerto evento più importante dell’estate italiana. Roma  per un giorno si è convertita a tempio del rock, con il Rolling Stones ON FIRE tour,  per l’unica data italiana del tour mondiale di quei quattro “ragazzacci” che da oltre 50 anni hanno insegnato ed insegnano rock’n’roll dai palchi di tutto il mondo. Erano attesi da tanto tempo e dopo 7 lunghi anni, gli Stones si sono presi la scena, infiammando per una notte la capitale, nella meravigliosa cornice del Circo Massimo. Già da inizio carriera, in piena era beat, erano stati soprannominati “brutti, sporchi e cattivi” per differenziarli dai più angelici Beatles. Oggi, dopo mezzo secolo di eccessi, tra droghe, sesso, arresti e scandali di vario tipo, loro sono ancora lì e  si ritrovano ancora a fare quello che meglio sanno fare.

Continua a leggere

Esperienza all’estero: tirocinio a Città del Messico, Messico

citta_del_messico1

“Amiga, perché non vieni in Messico?!”. Così ebbe inizio una delle esperienze più belle della mia vita.

Ho studiato a Cagliari, in un sistema universitario italiano basato sull’apprendimento in modo piuttosto teorico, senza avere la minima idea di ciò che è il mondo lavoro, né dopo anni di studio, né dopo aver ottenuto la fatidica pergamena. Uno dei pochi aspetti positivi dell’ateneo è stato per me l’ufficio di relazioni internazionali. Dopo aver vinto la borsa di studio “Globus Placement“, decido di seguire l’invito di quel messaggio e faccio i biglietti per Città del Messico. Con uno spagnolo tutt’altro che perfetto, imparato durante dei mesi trascorsi in Spagna, e con nessuna esperienza lavorativa alle spalle, mi convinco che, se uno dei giornali più importanti del Messico: Reforma, Corazón de México, mi ha dato l’opportunità di lavorare per loro, non potrò deluderne l’aspettativa.

Continua a leggere

Web semantico: una finestra aperta sul futuro

web_semantico

Eravamo da poco tempo abituati al “vecchio” Web 2.0, quello che ha rappresentato e continua a rappresentare una notevole svolta e una nuova frontiera nella storia della comunicazione, che già da qualche anno si inizia sempre più a parlare empiricamente di un nuovo Web, chiamato 3.0 o semantico. Se il primo Web, quello dei primi anni 90, è stato un fenomeno molto accademico, e non largamente popolare, il Web 2.0 ha sicuramente, grazie anche ai social media e all’avvento di connessioni sempre più veloci, portato questo nuovo mezzo a sdoganare l’uso di nicchia verso un uso molto più largo ed esteso. Ed ora il Web semantico punta ancora più in alto. Ma cos’è il Web semantico e che benefici potrebbe portare all’utente finale?

Continua a leggere